fbpx

Cosa vedere ad Asolo e dintorni in una settimana

Cosa vedere ad Asolo e dintorni in una settimana

Un visita ad Asolo permette di poter accostare il gusto per la storia e la cultura ai piaceri dello sport e della tavola che in questo luogo sono particolarmente stimolati dal territorio circostante, luculliano e fecondo. Asolo è una perla incastonata nel cuore del Veneto.

“Amo Asolo perché bello e tranquillo, paese di merletti e di poesia.”
Eleonora Duse

Una settimana di permanenza al Borgo è senz’altro in grado di far apprezzare questo locus amoenus in tutte le sue sfaccettature. Asolo è immersa nelle colline trevigiane, e fu definita dal poeta Giosuè Carducci come “il paese dai cento orizzonti” per la sua posizione strategica. Dalla sua sommità, dalla Rocca, è possibile godere di un panorama impagabile: l’imponente massiccio del Monte Grappa, l’arco alpino circostante, l’estesa pianura padana e la lontana, ma vicina Laguna di Venezia. Uno scorcio di natura che profuma di storia, arte e cultura.

Il programma: Sette giorni ad Asolo
Primo Giorno: visita del borgo a piedi.
Secondo Giorno: visite guidate a monumenti, ville ed edifici storici del centro.
Terzo Giorno: visita alle cantine del prosecco e percorso enogastronomico strutturato.
Quarto Giorno: escursione in bicicletta alla scoperta di Possagno e Maser.
Quinto Giorno: sport in generale e Golf Club.
Sesto Giorno: relax alle Terme dei Colli Asolani.
Settimo Giorno: shopping nelle botteghe gastronomiche e artigiane.

Ricordiamo preventivamente di accompagnare ad ogni momento conviviale la scelta di un’osteria, un Cafe, un ristorante, un negozio di generi alimentari o un’enoteca tipici. Potrete gustare una proposta enogastronomica ampia e originale. Un po’ ovunque si possono assaggiare i tipici cicchetti accompagnati da un calice di Prosecco Asolo DOCG, o sfiziose specialità che vi invitiamo a scoprire addentrandovi nella vita della cittadina medievale.

Primo Giorno
Il primo giorno di permanenza nel Borgo consigliamo un tour a piedi del centro storico, abbiamo già proposto un itinerario e una sorta di programma per chi avesse a disposizione solo due giorni. Se siete interessati ad un percorso semplice ma di grande impatto visivo, culturale e storico che permetta di godere delle bellezze Asolane, vi consigliamo la lettura di “Cosa vedere ad Asolo in due giorni” e “Cosa fare ad Asolo la sera ”.

Secondo Giorno
Dopo la prima giornata, dedicata ad una passeggiata lenta e gratificante, consigliamo di addentrarvi nell’arte visitando i vari edifici e monumenti storici al loro interno, anche con l’ausilio delle guide che sapranno illustrare e celebrare il Borgo e personaggi di spicco che nei secoli l’hanno reso grande.

Terzo Giorno
La terza giornata, dopo aver esplorato culturalmente il Borgo, può essere dedicata alle eccellenze viti-vinicole del territorio.
Abbiamo decantato le colline del Prosecco di questa florida zona in due articoli pubblicati il mese scorso: se foste interessati alla storia del prosecco e della terra che lo ospita, o all’iscrizione delle colline trevigiane nel Patrimonio Unesco, vi invitiamo a leggere la produzione testuale dedicata a questi temi: Il Prosecco: Storia e Territorio ; Le Colline del Prosecco Patrimonio Unesco. Per i nostri ospiti sarà possibile visitare, su prenotazione, attraverso il nostro personal assistant, alcune aziende del territorio.
Un indimenticabile Tour che combina il piacere dell’attraversamento degli incantevoli Colli Trevigiani e dei suoi pittoreschi paesaggi e località medievali, con una entusiasmante esperienza eno-gastronomica. Alla scoperta del prodotto locale più apprezzato del momento a livello internazionale: il Vino Prosecco, in tutte le sue declinazioni produttive, in abbinamento con salumi, formaggi e altri ‘cicchetti’ tipici della zona.
La Strada del Prosecco è stata uno dei primi itinerari del vino creati in Italia (era il 1966): una strada che congiunge i luoghi della cultura enologica a quelli d’arte. Tra le vigne spuntano così castelli, ville, chiese ed abbazie, ma anche cantine e trattorie dove si incontrano sempre la migliore enogastronomia e la più squisita ospitalità.

Quarto Giorno
Una giornata per godere delle romantiche colline della marca trevigiana, un territorio dove è ancora possibile rivivere lo splendore del passato.
Per gli appassionati della bici sarà una passeggiata di piacere visto la vicinanza dei tre borghi che adornano le colline trevigiane: Asolo, Possagno e Maser.

Adagiato sulle colline ai piedi del monte Grappa, Possagno (9 km da Asolo) è famoso per essere il paese natale di Antonio Canova. Al centro del paese troviamo la casa dell’artista con la famosa Gipsoteca, dove sono custoditi  modelli in gesso, bozzetti in argilla e numerosi studi originali. Pur non trattandosi di statue in marmo, i gessi possiedono la stessa eleganza, ecco alcune delle opere migliori del Canova da poter contemplare in versione “gesso”: Le Grazie, Amore e Psiche, Napoleone Bonaparte, Teseo e il centauro. Davanti alla Gipsoteca inizia il lungo viale in salita che conduce al Tempio, un omaggio a tre grandi epoche artistiche in cui si uniscono un frontone greco ispirato al Partenone, un corpo centrale ispirato al Pantheon romano ed infine l’abside tipicamente cristiana. All’interno la magnifica cupola a cassettoni, la tomba del Canova stesso, altre opere del maestro come la pala d’altare e la scultura della Pietà (opera incompiuta che l’artista ha realizzato in gesso senza riuscire a completare la trasposizione in marmo). Trattandosi tuttora della chiesa parrocchiale di Possagno, il Tempio Canoviano è visitabile tutti i giorni gratuitamente.  A Possagno si respira la storia dell’arte. 

Continuiamo l’itinerario verso Maser (7,5 km da Asolo), tipico e accogliente borgo della marca Trevigiana, ricco di natura, chiese e ville patrizie. Passeggiando fra le colline sarà facile incontrarle immerse in paesaggi verdeggianti e floreali, prima fra tutte la Villa di Maser (Villa Barbaro), splendente capolavoro palladiano dell’arte cinquecentesca. Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Aperta tutto l’anno, conserva il fascino della villa abitata dai proprietari, e durante gli eventi si può godere della straordinaria bellezza e magica atmosfera nelle diverse stagioni. All’interno, sei sale affrescate da Paolo Veronese, che costituiscono il suo più esteso e importante lavoro in affresco dalle quali si vede il Ninfeo con gli stucchi di Alessandro Vittoria. Una breve passeggiata tra i vigneti porta alla collezione di carrozze dove sono raccolte una trentina di esemplari dei mezzi di trasporto dei secoli passati.

Attorno alla sommità dei Colli Sùlder e Collalto sono state riportate in vita trincee e gli osservatori bellici della Grande Guerra. Da Forcella Mostaccin si può percorrere il sentiero didattico “Col de Spin”, con interessanti spunti paesaggistici, naturalistici e geologici.
Tra marzo e aprile, i fiori di ciliegio imbiancano le colline di Maser, rinomate per il loro frutto più buono: la Ciliegia.

Quinto Giorno
Asolo, incantevole Borgo circondato dalla natura, richiama anche gli sportivi. A piedi o in bici, è meraviglioso percorrere le strade che si immergono nei colli. Racchiusi come un tesoro nell’abbraccio dei poggi trevigiani sorgono alcuni paesini davvero suggestivi da gustare facendo sport all’aria aperta.
Inoltre, per chi volesse cimentarsi in uno sport di precisione su campo aperto c’è l’ Asolo Golf Club (di 27 buche) a soli 10 minuti di auto dalla Residenza Diffusa Centorizzonti.
La Club House offre servizi di qualità a coloro volessero trascorrere qualche ora a praticare sport o anche solo immergersi nella tranquillità del luogo. Centorizzonti ha attivato per gli ospiti una collaborazione con l’Asolo Golf Club con riconoscimento di un green fee a condizioni riservate. Per i nostri ospiti la possibilità di utilizzare parcheggio privato, sauna, piscina, solarium e palestra; anche a chi, senza giocare, vuole utilizzare solo l’area relax.

Sesto Giorno
Dopo aver passeggiato per il centro, visitato le bellezze di interesse storico artistico, partecipato alla vita del borgo, immortalato i panorami più belli dei cento orizzonti, fatto sport e imparato a conoscere ed apprezzare i percorsi eno-gastronomici, non resta che rilassarsi. “Salus per aquam” la salute per mezzo dell’acqua, questo richiama alle Terme dei Colli Asolani. Già al tempo dei Romani, che proprio qui installarono alcuni insediamenti, erano note le caratteristiche terapeutiche di queste acque.
Fra la fine del ‘700 e ‘800, Crespano, attuale sede delle Terme di Crespano del Grappa, era conosciuta come rinomata località di villeggiatura per il clima asciutto, l’altitudine non eccessiva (300 m s.l.m.) e l’azione protettiva del Monte Grappa alle spalle.  Agli inizi dell’800 vennero annotate le prime certificazioni medico-scientifiche dell’acqua oligominerale di Crespano, che davano vita ad un attivo Stabilimento Termale durante l’impero Asburgico. Ancora oggi queste acque possiedono specifiche caratteristiche chimico-fisiche idonee ad integrare lo stato di salute (come certificato dal Ministero della Salute). Le attività del centro Terme dei Colli Asolani sono estese, in sinergia, al benessere e alla bellezza dell’Essere Umano grazie alle cure naturali e complementari, che utilizzano le conoscenze delle discipline olistiche come la Naturopatia, la Kinesiologia, l’Ayurveda, la Medicina Tradizionale Cinese, ecc.

Accompagnate la visita ad un’alimentazione corretta, aiutati anche da professionisti e medici della struttura, tale da consentire il mantenimento di un buono stato di salute perpetuato nel tempo.

Settimo Giorno
Avete goduto per sei giorni dell’incanto naturalistico e artistico di Asolo e dintorni, è giunto perciò il momento di dedicarsi agli acquisti e ai souvenir da portare con sé in memoria di piacevoli momenti trascorsi nella perla trevigiana.  Souvenir artigianali o souvenir da gustare? C’è solo l’imbarazzo della scelta. Se passate per Asolo attenzione al portafoglio, qui vorrete comprare ogni delizia che assaggerete e ogni manifattura che vedrete.
Per gli amanti dello shopping ci sono numerose botteghe, boutique e negozi nel centro storico, dove si possono fare acquisti di tutti i tipi e adatti a qualsiasi tipo di esigenza. Spassionatamente consigliati i souvenir enogastronomici nelle botteghe del centro. Dal dolce al salato, dalla frutta agli insaccati, dall’olio al vino. Prodotti certificati e pluripremiati.
Nel cuore di Asolo troverete botteghe artigianali come quelle delle celebri Ceramiche di Bassano del Grappa, o di lavorazione del legno, e ancora laboratori artigianali di pasticceria, panificati e cioccolateria. Un percorso tra la tradizione manuale e i sapori di un tempo. Fate incetta di prodotti autoctoni, e donateli ai vostri cari al rientro dalla vostra vacanza indimenticabile nel cuore del Veneto. 

Dove soggiornare ad Asolo.
Asolo, una vacanza indimenticabile sentendosi come a casa. Avrete l’opportunità di sentirvi parte di un piccolo universo dal passato glorioso vissuto da poeti e scrittori, artisti e viaggiatori che a loro tempo hanno scoperto i Centorizzonti di questo piccolo borgo. Se sceglierete la Residenza Diffusa Centorizzonti, sarà facile godere intimamente dei luoghi del cuore asolani comodamente alloggiati in residenze d’epoca ristrutturate sulla base di progetti che le hanno esaltate in quanto luoghi di relax e sintesi tra moderno e antico. Grazie ad un design curato, comfort e funzionalità, il bello dell’interno risulta in armonia con l’esterno, in un viaggio che continua dentro e fuori la Residenza.

 

Vivete con Noi alla Residenza Diffusa Centorizzonti le bellezze di Asolo.
Stare in una Residenza Diffusa ad Asolo è: la colazione in centro, la passeggiata sotto i portici, l’aperitivo davanti all’immenso paesaggio veneto, i locali tipici.
Dopo solo pochi giorni si percepisce una familiarità che consiste nel riconoscere ed essere riconosciuti, nel sentimento di sentirsi accolti, di trovarsi nel posto giusto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.