fbpx

Museo Civico di Asolo

Punto di riferimento per una comunità, custode unico della storia e della tradizione di un territorio, il Museo Civico racchiude nella sua visita un viaggio emozionante e segnante nel cuore di Asolo e dei personaggi che l’hanno resa eternamente grande.

La piccola cittadina di Asolo, storico “giardino di Venezia”, sorge sulle colline della pedemontana, ai piedi del Monte Grappa nel cuore di un territorio ricco di storia, cultura ed arte. Le maggiori espressioni artistiche ed urbanistiche sono di età medievale con la Rocca situata sul Monte Ricco che domina la Città, il Castello della Regina Cornaro e le Mura che racchiudono il borgo.

La cassaforte che raccoglie le preziose testimonianze paleo-venete, romane e dei secoli successivi, con le collezioni dedicate alle donne che hanno dato lustro con la loro permanenza alla bella e quieta Asolo, è il Museo Civico.

Il Museo occupa il Palazzo del Vescovado e l’edificio della Loggia della Ragione, costruito nel corso del XV secolo per ospitare le rappresentanze minori veneziane e il Podestà nella sua veste di amministratore della giustizia. La Loggia venne affrescata intorno alla metà del XVI secolo.
Il primo nucleo delle collezioni museali si forma agli inizi dell’Ottocento grazie alle donazioni di Domenico Manera e Giovan Battista Sartori Canova; ma è con i lasciti degli eredi di Andrea Manera (1880) e di Pacifico Scomazzetto (1888) che viene istituito ufficialmente il Museo. Questo primo nucleo di manufatti è esposto presso la Sala della Ragione dove ha sede in quel periodo anche il Municipio. Dall’inizio del Novecento le donazioni di privati si intensificano, incrementando il patrimonio artistico e storico dell’istituto.

Il recente riallestimento del Museo ospita la Sezione archeologica (piano terra) che documenta le antiche origini della Città, materiali databili dalla Preistoria al Rinascimento rinvenuti sia nel centro di Asolo, sia nel territorio; la Pinacoteca (primo piano) in cui sono esposti dipinti che vanno dal XV secolo all’Età Contemporanea (tra cui spiccano le opere di Luca Giordano, Bernardo Strozzi e Bernardo Bellotto), il Tesoro della Cattedrale in cui sono ospitati alcuni paramenti sacri patrimonio della Cattedrale asolana, le sezioni Caterina Cornaro (dipinti, documenti e oggetti personali della regina), Eleonora Duse (lettere autografe, ritratti e abiti di scena) e Freya Stark (oggetti eccentrici e numerose fotografie da lei scattate). Alcuni spazi sono lasciati anche alla memoria di Gabriele D’Annunzio, dell’800 asolano, del poeta inglese Robert Browning.

Per informazioni di carattere generale riguardanti il Museo e la Rocca di Asolo, le prenotazioni di visite guidate e di attività didattiche rivolgersi a:
☎️ Tel: +39 0423 952313
📩 Email: info@museoasolo.it
💲 Costo biglietto Museo Civico: 5€ intero, 4€ ridotto, 12€ famiglia (2 adulti + 2 bambini)

 

“La città dai Cento orizzonti” vi aspetta per farsi conoscere e per intrattenervi in un piccolo universo fatto di storia, arte e divertimento. Centorizzonti Residenza Diffusa sarà pronta ad accompagnarvi in questo viaggio con i migliori consigli e un personal assistant che vi aiuterà a delineare mete naturalistiche e culturali da visitare a coronamento del vostro soggiorno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.